Francesco Gnecchi Ruscone

La vicenda umana e professionale di Gnecchi-Ruscone, pur mantenendo una profonda e radicata “milanesità”, espressa nei numerosi edifici costruiti a Milano, e nell’amorevole interesse per le manifestazioni dell’architettura e dell’urbanistica cittadine, è profondamente improntata all’internazionalità, per la formazione e per le esperienze via via maturate in Inghilterra, Francia, Stati Uniti, Africa - fatto questo che lo distingue e lo caratterizza rispetto alla maggior parte dei professionisti della sua generazione.

L’archivio, che copre un arco temporale tra il 1947 e il 2003, permette di ricostruire la vasta e multiforme attività dell’architetto, che spazia dall’architettura residenziale e pubblica, all’urbanistica, al restauro, alla progettazione di mostre e di interni, all’insegnamento universitario (al Politecnico di Milano e all’Università di Yale), al design.