Patrimonio

Il CASVA acquisisce documentazione pertinente all’architettura, design, grafica, arti figurative, sotto forma di archivi professionali e archivi personali di architetti, designer, grafici, artisti, privilegiando quelli che abbiano significativamente lavorato in ambito milanese e lombardo durante il Novecento.

Attualmente il patrimonio si compone di 22 archivi professionali:

  • Fondo Luciano Baldessari (1923 – 1982)
  • Archivio professionale Francesco Gnecchi-Ruscone (1946 – 2003)
  • Archivio professionale Fiorenzo Ramponi (1954 – 2002)
  • Archivio di Architettura e Industrial Design Jonathan De Pas, Donato D'Urbino, Paolo Lomazzi (1960-2011)
  • Fondo Roberto Sambonet (1947 – 1999)
  • Archivio professionale  Architetto Fredi (Alfredo) Drugman (1951 – 1995)
  • Archivio professionale  Virgilio Vercelloni (1948 – 1997)
  • Archivio professionale  Mario Terzaghi e Augusto Magnaghi (1938-1993)
  • Archivio professionale  Andrea Disertori (1947 – 2008)
  • Archivio professionale Vittorio Gregotti: Architetti Associati - Gregotti Meneghetti, Stoppino - (1953 – 1969)
  • Archivio professionale Vittorio Gregotti: Gregotti Associati (1974 – 2016)
  • Archivio professionale Cecilio Arpesani (1875 - 1923
  • Archivio professionale  Eugenio Soncini (1932 – 1973)
  • Archivio professionale Enrico  Freyrie (1947 – 2003)
  • Archivio professionale Giancesare Battaini (1947 – 2017)
  • Studio MID design/comunicazione visiva (Alfonso Grassi, Alberto Marangoni) (1966-1991)
  • Archivio professionale Mario Salvadè (1940 – 1985)
  • Archivio professionale Bela Angelus (1938 – 1993)
  • Archivio professionale Angelo Cortesi (1968 – 2002)
  • Archivio professionale Marcello Cuneo (1962 – 2015)
  • Archivio professionale Ginoulhiac – Arslan (1966 – 2000)
  • Fondo Amneris Latis (1954 – 1964)

Il patrimonio archivistico è  acquisito per acquisto diretto o donazione e, più raramente, come deposito temporaneo.

Il CASVA conserva e tramanda il proprio patrimonio nel miglior stato possibile, in relazione allo stato di acquisizione dei documenti, e valendosi delle più moderne pratiche conservative oggi disponibili.